mercoledì 7 febbraio 2018

Aspettando Il guardiano di Anime - [Intervista]

Siamo a metà settimana e come ormai sappiamo, è ora di rispondere sempre alle tre domande ma non solo!
Oggi è anche il giorno in cui possiamo parlare direttamente con Michela e farci svelare qualche dubbio che ovviamente ci è sorto durante la lettura di "8-3500". Ebbene si, oggi vi proponiamo un'intervista ma senza spoiler!

Come ormai dovreste aver capito, qui troverete solo una parte delle domande. Il resto, sarà possibile leggerlo sul blog di Federica (qui)... Perchè dopo le Citazioni (qui) e alcuni Aneddoti (qui), una sana sessione di chiacchiere è quasi d'obbligo.


Quanto c'è di te in questa storia?
Tutto. Nel senso che c'è un mondo emotivo spudoratamente mio. Ci sono situazioni che non ho vissuto e reazioni che non avrei avuto, ma è inutile, quando scrivi un libro, anche se non parli di te stesso, passa tutto dal tuo filtro.

Come hai trovato il titolo?
Questo libro prima di tutto è la storia di Melice, ma non volevo dare un titolo semplice come il nome in sé, o troppo lungo, per dare una traccia sulla protagonista. 83500 è lei senza tanti giri di parole. Poi amo Orwell. 

Cosa ti ha spinto a pubblicarlo?
E successivamente a trovare una CE?
La voglia di condividere un obbiettivo. 83500 è la dimostrazione a me stessa che posso farcela. È una cosa mia, e Triskell mi ha aiutata tantissimo. Ha fatto in modo che il mio lavoro vedesse la luce in una forma migliorata sotto tutti i punti di vista, mi ha supportata (con la U e con la O), ha avuto fiducia in me. Ha fatto e fa quello che una casa editrice ho sempre pensato dovesse fare. Anche di più. 

Ti piacciono le calle? 
"... Le calle hanno delle linee pulite, chiare, ma estremamente eleganti. Sono l'unico fiore che conosca ad avere un solo petalo che circonda completamente il pistillo. È poetico, è come il dipinto di un abbraccio." 
Sì, mi piacciono molto 

A cosa stai lavorando adesso?
Ho ripreso un lavoro che aspetta da qualche anno nel mio pc, poi sto sistemando una trama che mi piacerebbe rendere libro. Il resto sono appunti e caos, come sempre. 

Nessun commento:

Posta un commento

“Ciò che è stato scritto senza passione verrà letto senza piacere”
(Samuel Johnson)